DEM Marketing: 3 cose da sapere

  • Home / Email Marketing / DEM Marketing: 3…
DEM Marketing strategie

DEM Marketing: 3 cose da sapere

Nel mondo del DEM Marketing o anche direct email marketing, è naturale volersi confrontare con i tuoi competitor.

I benchmark ti danno un riferimento su come stai andando nel mercatoe qualche indicazione su come migliorare.

Nel marketing, alcuni benchmark sono più facili da trovare rispetto ad altri. Se vuoi vedere quanti follower sui social media ha un’altra azienda, puoi semplicemente visitare il suo profilo. Se vuoi vedere come sta andando il marketing generale di altre aziende, puoi collegare il loro URL in Marketing Grader e confrontare il loro punteggio con il tuo. Se desideri i dati più recenti del settore, puoi aggiungere al tuo background l’ultimo elenco di statistiche di marketing.

DEM marketing: le best practice sul numero di invii email

Ma altri parametri di riferimento sembrano quasi impossibili da trovare. Prendi ad esempio le metriche del DEM marketing: la maggior parte delle aziende non divulga le percentuali di clic e apertura. E se hai appena iniziato a investire nell’e-mail marketing, non hai un quadro di riferimento su come dovrebbero funzionare le tue e-mail.

Per aiutarti, abbiamo raccolto alcuni dati di riferimento per l’email marketing: di seguito sono riportate alcune statistiche che ti aiutano a capire come leggere e analizzare una buona percentuale di clic e di apertura per il numero di campagne e-mail che invii al mese, confrontata con la dimensione della tua azienda e il tipo di attività.

Quante campagne dem dovresti inviare al mese?

Nell’ambito del DEM marketing vogliamo tutti sapere quante campagne email mirate dovremmo inviare in un mese. Sebbene desideriamo essere sempre al primo posto per i nostri contatti e clienti, non vogliamo sopraffare e infastidire.

Quindi a che punto l’e-mail diventa “troppo”? Nella nostra base di clienti, abbiamo scoperto che le aziende che inviano più di 30 campagne e-mail al mese iniziano a veder abbassarsi le percentuali di clic e di apertura e-mail. Nota: le campagne sono definite come singole e-mail mirate inviate a una parte di un database, non una “generica” esplosione di e-mail a tutti.

Il punto debole? Da sedici a trenta campagne e-mail al mese. Le aziende che inviano 16-30 campagne al mese registrano una percentuale di clic superiore di oltre 2 volte alla percentuale di clic delle aziende che inviano 2 o meno campagne al mese. Con questa frequenza, le aziende godono di un tasso di apertura medio del 32,4% e di un tasso di clic medio del 6,5%.

Come si confrontano i tassi di apertura e clic tra aziende di dimensioni diverse?

Sebbene 16-30 campagne e-mail al mese siano il punto di riferimento generale, quando segmenti i risultati di cui sopra in base alle dimensioni dell’azienda, i risultati diventano molto più pertinenti.

Facciamo degli esempi:

  • aziende con 1 – 10 dipendenti e 26 – 200 dipendenti. I loro risultati rispecchiano le percentuali di cui sopra, il tasso di apertura e di clic è più elevato quando si inviano 16-30 campagne mirate via email al mese. Le aziende con 1 – 10 dipendenti ricevono in genere una percentuale di apertura media del 35,3% e una percentuale di clic media del 6,9%, mentre le aziende con 26 – 200 dipendenti ricevono una percentuale di apertura del 32,3% e una percentuale di clic del 6,3%.
  • Aziende con 11 – 25 dipendenti: i loro tassi di apertura sono più alti quando inviano più di 31 campagne e-mail al mese. A tale frequenza, queste società hanno in genere un tasso di apertura medio del 32,4%. Ma questo risultato non corrisponde ad un maggior numero di clic.
  • Aziende con oltre 201 dipendenti: la frequenza delle loro campagne DEM era molto più bassa rispetto alle altre aziende, di dimensioni diverse. La loro più alta percentuale di apertura (32,2%) è stata ottenuta grazie all’invio di 3-5 mail al mese, e la più alta percentuale di clic sul bottone di CTA (call to action) è stata del 7,0% ed è stata ottenuta con una campagna mensile di 6-15 e-mail.

Morale della storia? A seconda delle dimensioni della tua azienda, devi regolare il numero di campagne dem ed e-mail che invii ogni mese.

In che modo differiscono le percentuali di apertura e di clic per le aziende B2B e B2C?

Abbiamo anche segmentato i dati in base al tipo di attività in cui ti trovi: B2B o B2C.

I tassi di apertura sono piuttosto stabili per il B2B, attestandosi intorno al 30%. I tassi di apertura B2C, d’altra parte, sono passati dal 30,5% al 34,9%. Quest’ultima percentuale di clic è stata rilevata nelle aziende B2C che hanno inviato 16-30 campagne e-mail al mese.

Questo per darti un quadro di riferimento sul rendimento delle tue e-mail in base al numero di campagne e-mail che stai inviando, alle dimensioni della tua azienda e al tuo modello di business.

E la prossima cosa sulla tua lista di cose da fare?

Contattaci e scopri come monetizzare al meglio le tue campagne DEM.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *